LE STAGIONI DI MARIO

reading a cura di Martina Pittarello
ambientazioni sonore di Gabriele Grotto

Parole e suoni per raccontare alcuni momenti della vita dello scrittore Mario Rigoni Stern: I brani sono tratti da “Quota Albania”, in cui lo scrittore diciannovenne, si racconta al tempo della campagna di Grecia, e da “Stagioni”, dove ormai anziano ripercorre la sua vita e seguendo il ritmo delle quattro stagioni, affronta i temi a lui più cari: la guerra, l’infanzia, il grande amore per la montagna e per la natura.

EDUCAZIONE SENTIMENTALE, ovvero l’amore al tempo di Instagram

Educazione sentimentale. Ovvero, l’amore al tempo di Instagram
di e con  Valentina Brusaferro e Martina Pittarello

regia: Valentina Brusaferro
co-produzione Dedalofurioso

SCARICA LA NUOVA SCHEDA (STAGIONE 2023/24

SCHEDA TECNICA
Approfondimenti 

LA TRAMA DELLO SPETTACOLO

I protagonisti della storia sono Samuele, un ragazzo adolescente, sua madre Laura e il loro difficile rapporto. Samuele non è più un bambino, ha lasciato la riva sicura dell’infanzia e naviga a vista, non sapendo ancora quale sarà l’approdo; cerca faticosamente il distacco dai propri genitori. Sua madre Laura, assolutamente impreparata a questo cambiamento, è angosciata su come ci si debba comportare di fronte ad un figlio che stenta a riconoscere. A tutti chiede consiglio: al marito , all’amica, alla sua estetista di fiducia, ai manuali del “genitore perfetto”, ad Alexa ..Samuele intanto si avventura su strade in cui la mamma non può più avere controllo.Cerca una risposta ai molti interrogativi che riguardano la sessualità, corteggia la compagna Julie via WhatsApp, con l’amico Chico condivide confidenze e riti di passaggio. Il mondo degli adulti a cui guarda, a parte qualche rara eccezione, offre uno spettacolo piuttosto desolante, fatto di poca consapevolezza e di molti stereotipi e pregiudizi..

IL PROGETTO

Proponiamo uno spettacolo dedicato ai ragazzi a partire dai 13 anni, che si rivolge anche al mondo degli adulti e si interroga su temi legati all’affettività, la sessualità, l’educazione dei sentimenti nell’adolescenza. Il progetto approda ad una forma teatrale dopo un lungo periodo di studio e di indagine. In particolare, abbiamo intervistato ragazze e ragazzi dai 13 ai 16 anni, chiedendo che cosa fosse per loro la bellezza, l’amore, la sessualità, l’autonomia, l’amicizia, il rapporto con il loro corpo, il rapporto con i loro genitori. Da qui siamo partite.
Le risposte dei ragazzi spesso ci hanno sorpreso e ci hanno portato in una direzione diversa da quella in cui avevamo immaginato di andare. Abbiamo ascoltato le loro storie, il loro punto di vista sul mondo, i loro racconti sinceri, e a partire dalle loro parole abbiamo costruito la drammaturgia. In più occasioni abbiamo poi incontrato ragazzi, genitori, insegnanti, esperti per verificare l’efficacia dei contenuti e fin da subito abbiamo constatato che l’argomento era molto sentito, e non solo dagli adolescenti.
Il nostro spettacolo ha debuttato i il 2 febbraio 2020 al Teatro Civico di Schio, alla vigilia del primo lockdown.
Se già prima della pandemia l’argomento ci era sembrato importante, ora più che mai ci rendiamo conto della necessità di riproporre questi temi.

PRESENTAZIONE

“Educazione sentimentale. Ovvero, l’amore al tempo di Instagram” racconta di noi, della nostra quotidianità, dei nostri piccoli e grandi problemi da affrontare come genitori, come figli, come adulti, come amici, svelando perciò un microcosmo in cui ognuno di noi si può riconoscere, che si riflette però nel grande contenitore globalizzato della rete. Lo spettacolo svela non mostra, i personaggi si interrogano, non interpretano, le situazioni dialogano, non sono solo messe in scena, la narrazione scopre, non giudica. Il grande protagonista é l’amore e gli interpreti di supporto sono le emozioni. Le emozioni che si agitano, che si muovono, che muovono, che sequestrano, che spingono e che sbocciano in un’età così mutevole e contrastante come l’adolescenza, di fronte alla quale si specchia un mondo adulto piuttosto attonito e sprovveduto. A complicare le cose c’è uno specchio deformante: la comunicazione nell’era digitale, che riflette una visione schizoide della realtà in cui siano tutti immersi e di cui dominiamo poco o nulla il linguaggio. E se il teatro potesse ancora educarci? Condurci fuori da questo mondo liquido e portarci a guardare dentro, in un atto autentico, intimo, a scoprire la semplicità e la complessità che si agita dentro ognuno di noi? E renderci davvero tutti più umani.

La spettacolo è consigliato per un pubblico di minimo 13 anni

#adolescenza #bellezza #identità #metamorfosi #sessualità #amore
#amicizia #social #stereotipi #pregiudizi

APPROFONDIMENTI:
in  questa pagina puoi trovare alcuni articoli sull’argomento.

Dicono di noi i ragazzi dopo aver visto lo spettacolo:

Mi sembrava di sentire tutte le cose che provo nei momenti brutti e nei momenti belli. A volte vorrei dire tante cose ma non so come fare. Ho sentito tante parole che non avrei saputo dire…
(Serena, III media Bortolan, Vicenza)

Mi sono rispecchiato in questo spettacolo. Ho pensato che tante volte mi da fastidio sentire certi adulti lamentarsi e criticare i ragazzi, senza provare a capire i loro pensieri e comportamenti..
( Luca, II superiore, IST Canova, Vicenza)

I genitori e i figli sono entrambi “sulla stessa barca” e questo spettacolo mette in luce entrambi i punti di vista, credo che dopo aver visto questo spettacolo genitori e figli avrebbero molte cose di cui parlare.
( Giulia, II superiore, Liceo Fogazzaro, Vicenza)

Mi ha colpito con quanta naturalità parlano del tema…mi è piaciuto tanto: è stato molto educativo e divertente.
( Sara, III media Muttoni, Vicenza)

Si ringraziano per la consulenza scientifica:  Anna Zanellato, psicologa e sessuologa;  Elena Fabris, ostetrica;
per le interviste: i ragazzi delle scuole secondarie di Vicenza (Rossi, Canova, Pigafetta, Giuriolo); per i consigli sulla scrittura teatrale si ringrazia Giuliana Musso.
Le parole dei ragazzi  citate direttamente  nello spettacolo sono di ragazzi/e maggiorenni .

Gregorio e Michelle
Chico
Flaminia e Vittoria

IL MIO VOLO LIBERO / UNA DONNA SULL’OCEANO

Un monologo di Xenia de Luigi, che racconta la storia di Amelia Earhart, famosa aviatrice vissuta negli anni ’20 in America, con Martina Pittarello
da un’idea di Antonella Della Giustina

La storia di Amelia Earhart è quella di una donna che ha creduto nei suoi sogni, fino in fondo.  In un’epoca, gli anni 20 del secolo scorso, in cui per una donna quasi tutto era impossibile, lei ha voluto essere felice. Ha deciso che esaudire il suo grande sogno di volare fosse fondamentale non solo per ottenere la felicità, ma anche per la sua realizzazione personale e quindi, come diceva lei, “lo ha semplicemente fatto”.
Una donna pilota, la prima a compiere un volo transoceanico, a tentare il giro del mondo, era e forse lo è ancora, qualcosa di impensabile, di inconcepibile.
Eppure Amelia, si è tagliata i capelli, si è comprata un aereo e ha compiuto tutte queste imprese, più moltissime altre.
Senza preoccuparsi che il suo essere donna avrebbe potuto fermarla, senza sentirsi neanche per un minuto un essere debole o “inferiore”.
Si è presa la sua metà di cielo, con il sorriso e il piacere di volare.
Affrontando le proprie paure e godendo di ogni minuto lassù, sopra la Terra. Perché questo fanno gli eroi e le eroine dei Miti: vivono come noi non siamo in grado di fare. Vivono come vogliono.

clicca qui per contattarmi

RADIOPINOCCHIO

RADIOPINOCCHIO
da un’idea di Vasco Mirandola
con Vasco Mirandola, Martina Pittarello e Gabriele Grotto

Una inedita e divertente versione della celebre fiaba ambientata in uno studio radiofonico, è la nuova avventura della consolidata collaborazione tra Vasco e Martina, accompagnati in questa occasione dal percussionista e rumorista Gabriele Grotto.

Lo spettacolo mette insieme il piacere dell’ascolto con il gioco creativo della finzione scenica . I suoni, i rumori, le voci dei vari personaggi aiutano lo spettatore ad entrare in prima persona nelle avventure del celebre burattino, la storia diventa vera, si può quasi toccare con mano. Uno spettacolo per chi ha naso !!!

Ci troviamo in uno studio di registrazione, ma siamo a teatro. Tutto è a vista con i trucchi e gli inganni del caso: tre speaker raccontano la storia, proprio quella di Pinocchio, ma sono anche tre rumoristi e tre persone in uno studio che per divertirsi si stuzzicano, creano alleanze, disturbi, commenti e debordano dal loro compito in una complicità giocosa. E così può succedere di incontrare all’improvviso un pappagallo rasta che parla in veneto, una vecchietta appassionata alla storia che è sempre presente nei momenti cruciali, o essere trasportati da un posto all’altro da un colombo-aviatore tipo il barone rosso, o trovarsi improvvisamente nella discoteca del paese dei balocchi. Alla fine Pinocchio ha un dubbio: “Ma non sarà meglio vivere come burattino un mare di avventure, piuttosto che trasformarsi in bambino e rischiare di crescere?”

In Radiopinocchio vengono utilizzate diverse tecniche: lettura espressiva, teatro, burattini, oggetti animati, canzone, musica, rumoristica, clownerie.

Esigenze tecniche: spazio minimo 3×2 m,e oscurabile.Siamo autonomi per luci e fonica, oltre i 100 spettatori è prevista la presenza di un tecnico audio.

Consigliato : scuola primaria ( 6/10 anni), pubblico misto di adulti e bambini.

[la scheda dello spettacolo]

La Fondazione Carlo Collodi ha segnalato Radiopinocchio tra i migliori spettacoli su Pinocchio “per l’originalità e alla stesso tempo la fedeltà al testo originale” (Anna Caterina Barocco)

INFO:  3356566991
clicca qui per contattarmi

Vasco Mirandola e Martina Pittarello, ambedue provenienti da un lungo percorso teatrale, iniziano a collaborare nel 2009 elaborando progetti legati alla lettura per adulti e ragazzi in luoghi convenzionali e non. Dal loro incontro è nato un particolare approccio a testi teatrali, poetici, o letterari, che privilegia una messa in scena sobria, giocosa e raffinata, che si avvale spesso del contributo di musicisti dal vivo. Sono tra i fondatori del coordinamento di lettori LeggereperLeggere.

Gabriele Grotto, musicista e filmaker maladense, si è dedicato alla musica etnica e latin e, negli ultimi anni, al jazz contemporaneo e alla sperimentazione. Ha partecipato a produzioni teatrali e collaborato con danzatori, attori, compositori di musica contemporanea e con musicisti della scena sperimentale dove centrale è la pratica dell’improvvisazione.

IL DIARIO DI ADAMO ED EVA

Proposta di lettura-spettacolo per spazi teatrali, teatro in casa, luoghi alternativi, parchi e giardini.

IL DIARIO DI ADAMO ED EVA
di Mark Twain

Adamo ed Eva – foto di Luigi De Frenza

Vasco Mirandola e Martina Pittarello

La guerra dei sessi è antica quanto l’umanità. Per lo meno, è ciò che Mark Twain ha scoperto “traducendo il manoscritto originale” dei diari di Adamo e di Eva. Il padre di Tom Sawyer e di Huckleberry Finn ha sovvertito il primo capitolo della storia biblica e l’ha trasformato in un esercizio di sottile umorismo, in una brillante, divertita e parodistica ricostruzione dell’incontro tra l’uomo e la donna per eccellenza, caricati di tutti gli stereotipi dell’uomo moderno. Twain, fingendo di credere al mito, si è divertito a tratteggiare le figure di un uomo e di una donna “universali” con i loro pregi, ma sopratutto i loro difetti, in cui è difficile non riconoscersi. Un mirabile esempio di equilibrio tra ironia e cronaca fantastica, il tutto avvolto dal fascino della prima struggente storia d’amore del mondo.

In un’epoca in cui l’amore eterno sembra passato di moda sia come mito romantico che come sogno degli adolescenti, Mark Twain ce ne rinnova la speranza. Il segreto è quello della tolleranza, che nell’accettazione delle reciproche fastidiose diversità consente di raggiungere il traguardo faticoso di una vita in comune. L’amore eterno qui sulla terra non è un tenero idillio, ma una laboriosa conquista.

Lo spettacolo è adatto per una programmazione serale in spazi chiusi o all’aperto. La scheda tecnica è ridotta e parzialmente autonoma.

clicca qui per contattarmi

Adamo ed Eva – foto di Luigi De Frenza